Arte Sacra e i Beni Culturali
 

carattere piccolo carattere normale carattere grande

La cappella della beata Mastena a San Fior

Mostra tutti gli articoli dell'Ufficio Arte Sacra


pubblicato luned́ 27 giugno 2011



La comunità cristiana, specialmente a partire dall'epoca delle persecuzioni (I-IV secolo), iniziò a circondare il luogo del martirio dei testimoni della fede di una particolare attenzione, soprattutto con il radunarsi in quel luogo nel dies natalis (cioè nel giorno della morte) e con la celebrazione dell'eucaristia. Con il tempo si iniziò a venerare anche coloro che, pur senza il martirio, avevano vissuto una vita conforme al Vangelo.

La comunità cristiana lungo i secoli ha sempre custodito gelosamente i luoghi ricchi di memoria - in cui riposano martiri, santi e beati - segni di una particolare relazione tra l'uomo e Dio, arricchendoli con ogni tipo di arte: in questi luoghi l'intercessione del santo è come si facesse più vicina a ciascuno di noi, soprattutto a quanti soffrono fisicamente o moralmente. Per questo le tombe dei martiri, dei santi e dei beati, sono sempre state mèta di continui pellegrinaggi e di intensa ricerca spirituale, anche da parte di chi non ha una fede esplicita o una pratica di vita cristiana regolare. Questo già lo possono testimoniare le religiose del Santo Volto e la comunità cristiana di San Fior, che vedono la tomba della beata Maria Pia Mastena già mèta di pellegrini che vengono a chiedere grazie particolari.

In accordo con l'Ufficio diocesano per l'arte sacra e i beni culturali e l'Ufficio liturgico, nonché dietro approvazione della competente Soprintendenza per i beni architettonici e paesaggistici del Veneto orientale, siamo giunti alla realizzazione della nuova cappella dedicata alla beata, fondatrice dell'Istituto delle Religiose del Santo Volto. La nuova cappella in realtà era il vecchio ingresso dell'antichissima chiesa matrice di San Giovanni Battista di San Fior (VI secolo): questo sito, ultimamente trasformato in deposito, nel secolo scorso era dedicato a sant'Antonio di Padova. Questo luogo quindi viene semplicemente riaperto al culto, non consacrato. Tant'è vero che nei recenti lavori di adeguamento è stata scoperta anche una delle dodici croci parietali della consacrazione dell'antica chiesa.

 

Le caratteristiche della nuova cappella

In questo nuovo luogo che conserverà i resti della beata Maria Pia Mastena sono state fatte alcune scelte architettoniche e liturgiche significative. Sono stati anzitutto recuperati l'altare e il tabernacolo seicenteschi a parete, che verranno nuovamente utilizzati per la celebrazione eucaristica feriale e in occasione dei pellegrinaggi. Sono stati creati la nuova sede e un nuovo ambone sul lato sud accanto all'altare; verrà inoltre collocato un nuovo crocifisso sopra la sede mentre l'urna della beata sarà collocata, guardando l'altare, sul lato sinistro, arricchita da un'opera sovrastante dell'artista vicentina Anna Maria Trevisan, che illustra la vita e le opere della stessa. Sulla porta d'ingresso verrà collocata una bussola che fa intravedere il Volto Santo del Signore, sul modello della chiesa del Santo Volto di Torino: è un invito simbolico a partecipare alla liturgia entrando anzitutto attraverso il Mistero pasquale.

L'effetto che si intende realizzare con questo progetto, opera dell'architetto Susanna Maset, è creare uno spazio accogliente che inviti a entrare in contatto con la beata, anzitutto passando attraverso Gesù Cristo e il suo Volto di amore per l'umanità.

La nuova cappella verrà benedetta lunedì 27 giugno, memoria liturgica della beata, alle 18, con una solenne celebrazione eucaristica presieduta da monsignor Eugenio Ravignani, vescovo emerito di Trieste.

Le spoglie della Madre riposavano inizialmente nel cimitero di San Fior, quindi nel 1953 vennero collocate nella cappella mortuaria della comunità delle religiose, quindi, dopo la sua beatificazione (13 novembre 2005) furono traslate nella chiesa parrocchiale per rendere più agevole la venerazione da parte dei fedeli. Ora, finalmente, trovano una sistemazione definitiva, com'era giusto e doveroso.

don Adriano Dall'Asta

 

 

(da L'Azione, n. 28 del 26/6/2011)




 
 
Diocesi di Vittorio Veneto © 2006-2019 - revisione: 07/08/2007info sui cookie  -  contattateci