Pastorale della famiglia
 

carattere piccolo carattere normale carattere grande

I gruppi famiglia

Mostra tutti gli articoli di Pastorale Familiare


pubblicato mercoledì 26 ottobre 2011



Quella dei gruppi famiglia rappresenta una realtà non ancora molto diffusa ma certamente in netta crescita, che si prospetta come una ventata positiva e salutare per tante nostre comunità. Sono ormai varie decine in Diocesi queste aggregazioni di coppie che, insieme ai figli, si riuniscono con regolarità e si confrontano sulla vita familiare e sui suoi intrecci con la fede cristiana, con quel che propongono la messa domenicale e il Vangelo.

Per tracciare l'identità e le caratteristiche dei gruppi famiglia a livello locale abbiamo interpellato il sacerdote e la coppia di sposi responsabili dell'Ufficio diocesano per la pastorale della famiglia don Pierpaolo Bazzichetto e Brunella e Ubaldo Vaglieri.

 

Gruppi famiglia: cosa sono, cosa fanno

«Non c'è uno schema-tipo per i gruppi famiglia - spiega don Pierpaolo -. L'importante è che venga messo al centro il vissuto, illuminato dalla fede. La formazione e la condivisione di un tessuto relazionale sono la caratteristica comune, a partire dalla vita in famiglia, nel lavoro, nella società e dai problemi in cui via via ci si imbatte. Questo ritrovarsi è un dare risalto concreto pastorale ad una realtà di fede: "Dove due o tre sono riuniti nel mio nome..."».

I gruppi famiglia sono una realtà non nuova. Ne esistono anche a livello locale da vent'anni e oltre, ma forse non c'è stata un'adeguata valorizzazione. Ora si constata una realtà più frequente e diffusa. «Forse perché una volta c'era già, spontanea, una rete relazionale tra le famiglie, mentre oggi - aggiunge don Pierpaolo - viviamo in un contesto sociale più frammentato. Al punto che oggi, quella del fare rete tra famiglie, è un'esigenza anche sociale, inserita negli obiettivi dei Piani di zona delle Ulss».

«Un'altra caratteristica comune dei gruppi famiglia - sottolineano Ubaldo e Brunella - è l'omogeneità d'età, delle coppie e ancor più dei figli, perché il confronto avviene a partire da situazioni di vita e problematiche comuni».

 

Gruppi famiglia, non finalizzati al servizio

«La finalità del gruppo famiglia è quello della formazione e condivisione» ribadiscono i responsabili dell'Ufficio diocesano di pastorale familiare. L'impegno diretto, pur auspicato e gradito, di una o più coppie in servizi in parrocchia - catechismo, oratorio, Caritas, animazione liturgica, eccetera - «è da considerare piuttosto come un frutto del cammino compiuto nel gruppo famiglia».

Né può essere un trovarsi in gruppo fine a se stesso, incentrato solo sulla convivialità e sull'amicizia.

E dentro i gruppi famiglia solo alcune coppie e persone sono impegnate anche in qualche servizio in parrocchia, poiché il motivo aggregante è un altro: quello della condivisione, della crescita insieme, che coinvolge allo stesso modo coppie e famiglie che frequentano la parrocchia con diversa intensità. Non si esclude naturalmente la partecipazione di vedovi o separati, secondo la capacità dei singoli di gruppi di essere accoglienti.

 

Come nascono i gruppi famiglia

Possono nascere in più modi: «Non c'è un'unica modalità». E c'è quindi spazio per le singole iniziative e la buona volontà. In certi casi nascono dalla proposta del parroco a qualche coppia, che poi si estende ad altre. In altre situazioni l'iniziativa parte da singole coppie spronate da contatti o informazioni.

Altra casistica è quella dei gruppi famiglia come prosecuzione del cammino formativo nel corso fidanzati. «È auspicabile che ne sorgano molti - spiegano don Bazzichetto e Vaglieri - perché sono un'opportunità offerta in una fase di vita della famiglia abbastanza scoperta, poiché tanti dopo il matrimonio tornano a frequentare la parrocchia al battesimo del primo figlio».

«Certamente favorirebbe la nascita di nuovi gruppi famiglia - aggiungono Ubaldo e Brunella - se ci fossero coppie di sposi disponibili ad incoraggiarne la nascita e poi accompagnarli nella fase di avvio».

 

Quante famiglie per gruppo

«Dall'esperienza fatta - spiega Ubaldo - per funzionare è necessario che il gruppo non sia troppo grande, 8-10 coppie al massimo, in modo che siano possibili quel confronto e quella confidenza caratteristici dei gruppi famiglia». Se sono di più meglio favorire la "gemmazione" di più gruppi. «Ma anche 3-4 coppie possono essere uno splendido gruppo famiglia. Più che il numero dei partecipanti conta il ritmo degli incontri».

 

Riunioni, dove e quanto

La sede è a volte in locali parrocchiali e altre nelle case dei partecipanti. Questa seconda opzione è significativa, perché «il ritrovarsi in casa dà una nota di familiarità e di quotidianità più accentuata». Si aggiunga che solitamente alle riunioni partecipano anche i figli, che giocano tra loro, magari custoditi dai più grandi, o a volte da animatori della parrocchia che si rendono disponibili. E la partecipazione dei figli diventa un motivo ulteriore di legame, di condivisione.

La cadenza degli incontri è solitamente mensile, «che è quella più sostenibile - motiva Vaglieri - , sia rispetto al lavoro da fare sia rispetto agli impegni familiari». Ma ci sono eccezioni di gruppi che si ritrovano più spesso, oppure con tempi più lunghi.

 

Animatori e sacerdoti

Solitamente il cammino dei gruppi famiglia è all'insegna dell'autogestione, con le coppie partecipanti che scelgono argomenti e temi di confronto e una coppia che, magari a turno, ha il ruolo di coordinare e condurre gli incontri. Spesso partecipa anche il parroco, un prete o una religiosa, ma i gruppi famiglia non sono "clericodipendenti": «Essi sono presenti nei gruppi famiglia per vivere una reale condivisione, in un dialogo tra adulti alla pari».

 

I benefici per i partecipanti e per la comunità

I gruppi famiglia rappresentano un modo di vivere la fede che può essere utile anche per la parrocchia: «Lo stile della famiglia rappresenta una ricchezza, con il dover confrontarsi, discutere e trovare mediazioni, accettare le differenze, aver cura di chi è più debole. Tutti atteggiamenti auspicabili anche in parrocchia».

E per i partecipanti? «L'esperienza del gruppo famiglia li segna positivamente, soprattutto perché assaporano il gusto di confrontarsi e di sostenersi reciprocamente, perché ci si confronta a partire dalla quotidianità, dal vissuto di ciascuno, non da situazioni generiche, astratte».

 

La realtà dei gruppi famiglia in Diocesi

In Diocesi i gruppi famiglia rappresentano una realtà ben più cospicua di quel che si immaginava. Lo stanno rivelando i dati, pur ancora parziali, dell'indagine in corso promossa dalla Commissione diocesana per la pastorale familiare. «Stiamo scoprendo una realtà più ricca di quel che immaginavamo. È un segnale positivo e incoraggiante per tutti, da valorizzare».

I possibili sviluppi sono vari. «Una prima possibilità - spiega Ubaldo - è quella di un'informazione sistematica e capillare su iniziative e proposte che possono interessare. Inoltre si potranno raccogliere le richieste e sollecitazioni che potranno venire dai gruppi famiglia. Questa fotografia della realtà dei gruppi famiglia ci permetterà di mettere a punto qualcosa di specifico per i gruppi famiglia, considerato che essi rappresentano un'altra opportunità per rendere attiva la presenza dei laici nella comunità».

Franco Pozzebon

 

 

(da L'Azione, n. 41 del 9/10/2011)




 
 
Diocesi di Vittorio Veneto © 2006-2019 - revisione: 19/11/2007info sui cookie  -  contattateci