Pastorale Sociale
 

carattere piccolo carattere normale carattere grande

Dalla crisi si esce insieme

Mostra tutti gli articoli della Pastorale Sociale


pubblicato domenica 17 febbraio 2013



La decima Settimana sociale, tenuta nei giorni 4, 6 e 8 febbraio, ha avuto una straordinaria partecipazione: un ulteriore segno, credo, della preoccupazione e della paura della gente per questa interminabile crisi. Il tema della Settimana è stato, infatti, la crisi e la sua causa prossima, l'uso stravolto e criminale della finanza. Della crisi si è voluto sottolineare l'eccezionalità che ci obbliga a ripensare tutto il sistema della vita. Questa intenzione era espressa nel titolo generale dato alla Settimana "Niente sarà più come prima".

I relatori hanno evidenziato bene questo aspetto. Il primo, il professor Campiglio, presentando le cause ha mostrato come dalla finanza si è innescata una reazione a catena che ha sconvolto tutta l'economia e la vita delle persone. Il secondo, il prof. Becchetti, ha insistito sulla crisi culturale che sta alla base di tutto quello che è successo, per cui è da lì che bisogna partire, dall'idea di persona e di felicità a cui la persona tende, per passare poi a un cambiamento radicale di tutto il sistema economico perché sia socialmente sostenibile, cioè rispettoso dei diritti umani e della qualità della vita ed ecologicamente sostenibile, cioè rispettoso dell'ambiente. Il terzo relatore, il vescovo Mario Toso, ha presentato quali sono le indicazioni della Parola di Dio riguardo alle ricchezze. Il vangelo non è contrario ai beni materiali necessari per la vita, ma insiste con parole forti di non farsi schiavi di essi, perché non di solo pane vive l'uomo, e soprattutto di farli diventare uno strumento di fraternità perché il Signore ce li ha dati per goderli insieme. Questa parola del vangelo vale anche per l'uso che è stato fatto della finanza che ha causato disastri proprio perché si è cercato il guadagno facile e immediato.

Come ogni anno la Settimana si è conclusa proponendo ai partecipanti e a tutta la diocesi alcuni impegni che coinvolgano le singole persone e famiglie, ma anche le istituzioni pubbliche e la stessa comunità cristiana.

don Gian Pietro Moret



(da L'Azione, n. 7 del 17/2/2013)




 
 
Diocesi di Vittorio Veneto © 2006-2019 - revisione: 29/03/2007info sui cookie  -  contattateci