Osservatorio
 

carattere piccolo carattere normale carattere grande

Osservatorio socio-religioso


Presentazione

Il 20 giugno 2013 è nato l'Osservatorio diocesano socio-culturale e religioso. L'Osservatorio trae origine dal convegno diocesano "Abita la terra e vivi con fede" durante il quale siamo stati sollecitati ad un'attenzione più diligente e qualificata a quanto avviene nella vita delle persone, delle famiglie e delle istituzioni del nostro territorio.

L'Osservatorio vede coinvolte circa venti persone individuate dal nostro Vescovo e provenienti da diversi contesti della società civile. Il gruppo dell'Osservatorio è quindi rappresentativo, seppur ovviamente non esaustivo, di ogni contesto sociale territoriale, poiché lo scopo dell'ascolto, dell'interpretazione, dell'analisi, del confronto sulle diversificate situazioni socio-culturali e religiose deve essere promosso da tutti i portatori d'interesse territoriali.

L'Osservatorio è utile per sensibilizzare le coscienze e permettere la comune riflessione sulle situazioni socio-culturali e religiose dei nostri tempi grazie al punto di osservazione di ciascuno. L'ascolto reciproco dovrebbe essere l'elemento che permette la miglior comprensione dei diversi punti di vista anche di ambiti apparentemente lontani.

Le occasioni d'incontro dell'Osservatorio permetteranno di promuovere e stimolare, per quanto possibile, la concretizzazione di una visione del bene comune da perseguire alla luce della Dottrina sociale della Chiesa.

L'Osservatorio coinvolge le istituzioni proprie della diocesi: gli uffici pastorali, le foranie, le parrocchie, i consigli diocesani.

L'Osservatorio quindi si presenta come "opportunità di riflessione" e di "confronto critico e costruttivo" per la diocesi e anche per la società in cui essa vive.

Il cammino virtuoso che si vuole avviare è quello legato al senso dell'insieme della collettività. In questo senso solo la comunione può ampliare gli orizzonti.

Attività dell'Osservatorio:

  • Ascolto e discernimento dei fenomeni socio-culturali e religiosi del territorio e definizione di aree tematiche d'interesse comune su cui, di volta in volta, approfondire l'analisi e la riflessione.
  • Individuazione e consultazione sistematica di fonti rispetto alle aree di interesse.
  • Costituzione di una banca dati a cui attingere informazioni per conoscere la situazione socio-culturale e religiosa territoriale.
  • Avvio di canali informativi per favorire la conoscenza e offrire supporto a interventi socio-culturali e religiosi territoriali.
  • Promozione di occasioni di approfondimento per la discussione di esigenze territoriali, pastorali emerse dalle informazioni acquisite o prodotte dall'Osservatorio e realizzazione di incontri di approfondimento su delle problematiche socio-culturali prese in esame dall'Osservatorio.

Da sempre il fare caratterizza gran parte delle nostre attività quotidiane, l'Osservatorio può aiutare a realizzare spazi di pensiero per individuare strade su cui l'agire può correre sicuro per valorizzare le persone e offrire dignità a ciascuno.

Giovanni Sallemi

(da L'Azione del 7/7/2013)



Per approfondire

documento di avvio dell'osservatorio (giugno 2013) (43 KB)




 
 
Diocesi di Vittorio Veneto © 2006-2017 - revisione: 05/05/2015info sui cookie  -  contattateci